Come diventare coach

come diventare coach

Come diventare Coach professionista

Per sapere come diventare coach professionista in Italia e costruire in modo serio il proprio business plan, ci si confronta con  diverse scelte da fare: dal percorso di formazione più giusto al settore in cui specializzarsi e a cui dedicarsi, deve definire i suoi obiettivi economici e di vita e scegliere di conseguenza.

Il mercato del coaching è in forte crescita, ma è anche vero che l’offerta di coaching e corsi di coaching si sta sviluppando di conseguenza e si presenta quanto mai varia.

Si moltiplicano le offerte, gli approcci e gli esperti di coaching dell’ultima ora. Il coaching, che dimostra di essere una realtà economicamente vivace, viene reclamato come esclusivo di specifiche discipline o viene confuso con professioni “simili”.

Complici i tempi di crisi e le necessità di ricollocamento di molti lavoratori, non manca chi cerca di trarre profitto vendendo corsi per diventare coach con la promessa di un futuro professionale miracoloso, facili guadagni e felicità assicurata…

Oggi più di ieri per iniziare seriamente ad essere un coach professionista serve un approccio strutturato e strategico e prima di iniziare qualsiasi percorso é meglio porsi alcune domande:

  • che tipo di coach professionista voglio diventare?
  • con quali clienti voglio lavorare?
  • mi immagino a lavorare da solo o inserito in un contesto di colleghi coach?
  • cosa mi spinge a diventare coach professionista?
  • lavorerò solo in Italia o intendo farlo anche all’estero?

Queste domande hanno un carattere preliminare, possono aiutare a capire dove vogliamo andare, poi ci dobbiamo orientare nel mondo delle associazioni di coaching e della formazione di coaching e qui conviene fare attenzione alla scelta. Se pensi di non avere bisogno di formazione puoi anche non continuare a leggere, piuttosto ti consigliamo di lavorare con un buon coach e metterti in discussione.